Get Adobe Flash player
Lingue
Statistiche

Ansia e Angoscia

Ti senti spesso stanco senza che vi sia un vero motivo per esserlo ?  Oppure irrequieto, agitato con un senso di nervosismo addosso ? E nonostante niente di particolare succeda nella tua vita sei facilmente irritabile e sperimenti sbalzi di umore ?  Se poi tutto questo ti causa anche problemi sul lavoro e con i tuoi familiari ed amici, allora si può affermare senza ombra di dubbio che il tuo stato richiede una seria attenzione terapeutica.  In tuo stato solitamente si definisce Stato di Ansia Generalizzato.

Se invece il tuo problema deriva da paure irrazionali che possono essere del più diverso tipo, il tuo disturbo rientra nella categoria delle Fobie.  Ad esempio, ti capita di aver paura quando devi affrontare situazioni con persone che non conosci o delle quali temi il giudizio ? Oppure hai paura di venire umiliato da una donna durante una performance sessuale ?  O ti senti spesso timido ed inibito in un contesto di contatti sociali ? Se tutto questo interferisce con il tuo normale funzionamento di manager, venditore o nello svolgimento di altre professioni dove il rapporto con gli altri è della massima importanza, non è opportuno che tu continui a soffrire o metta a rischio la tua carriera.

Se pensieri od immagini appaiono ripetitivamente ed ossessivamente nella tua mente, se ti accorgi che ripeti compulsivamente determinati gesti per poter diminuire il senso di angoscia che senti in te, come ad esempio il controllare ripetutamente se la portiera dell’ auto o la porta di casa sono chiuse, il tuo disturbo si chiama Comportamento Compulsivo-Ossessivo.

Ansia ed Angoscia sono solitamente disturbi da stress post-traumatico e possono manifestarsi, oltre che quale risultato di abusi subiti nell’ infanzia o nell’ età adulta, anche in seguito ad un incidente automobilistico, ad uno stupro o dopo aver sofferto per la morte di una persona a noi molto cara.  I sintomi, a livello organico, sono simili a quelli da attacco di panico e comprendono palpitazioni, sudorazione e tremori, respiro corto ed affannoso, sensazioni di soffocamento, dolori al petto, nausea, giramenti di testa, vampate di calore o altro.

Le mie pratiche terapeutiche, nell’ ambito del Counseling Psicologico, comportano 5 tappe, come segue :

  1. Analisi caratteriale, soprattutto sotto l’ aspetto delle resistenze caratteriali che si esprimono non tanto nel contenuto quanto nella forma del comportamento generale.
  2. Analisi ed interpretazione dei transfert, sia positivi che negativi
  3. Analisi ed interpretazione dei sogni
  4. Dissoluzione della corazza muscolare tramite le vegeto-terapia reichiana
  5. Terapia di abbandono tantrico alla vita

Attraverso la liberazione dell’ energia psichica e biologica che consegue alla terapia di cui sopra, i sintomi di Ansia e Angoscia scompaiono e si instaura nell’ organismo il libero fluire delle correnti plasmatiche.  Sottolineo l’ importanza di fare un lavoro simultaneo sull’ apparato psichico e su quello somatico, secondo una visione unitaria dell’ individuo, dando perciò valore alla teoria reichiana secondo cui ogni emozione è “un movimento plasmatico espressivo”.  I liquidi corporei, circolando in modo armonico, riequilibrano il sistema nervoso simpatico e parasimpatico. In tal modo nell’ organismo le contrazioni e le espansioni di muscoli, tessuti e vasi sanguigni si alternano in modo fluido e del tutto naturale.

Ogni emozione che compare nell’ organismo è legata al movimento di correnti plasmatiche interne.  E quando tali correnti plasmatiche sono bloccate da spasmi muscolari interni che neppure noi percepiamo, si sviluppa una angoscia acuta la quale è l’ antitesi del piacere.

Tutti sappiamo che esiste una espressione emozionale del corpo, sia tramite il linguaggio che in assenza di linguaggio.  Anzi, in assenza di linguaggio, l’ emozione a livello fisico è ancora più forte.  Le terapie sopra indicate riescono ad instaurare sia nella mente che nel corpo una capacità piena di pulsazione e di abbandono.  La quinta tappa la ho denominata “terapia di abbandono tantrico alla vita” in quanto si insegna all’ organismo (psiche ed organi interni) a darsi completamente al compagno od alla compagna nell’ amplesso sessuale e ad aprirsi al mondo ed agli altri con atteggiamento compassionevole e creativo.

Naturalmente, lungo questo cammino incontreremo la paura.  E’ una sensazione dalla quale possiamo imparare molto se non la neghiamo, se non le poniamo degli ostacoli, ma la osserviamo senza nominarla.  Presi nel suo tremore, nell’ agitazione e nel tumulto che essa ci causa, dobbiamo riuscire a diventare una sola cosa con essa.  Se scappiamo non riusciremo mai a guardarla, né ad andare oltre, ma se la guardiamo senza nominarla e senza l’ osservatore essa scompare.  L’ importante è non irrigidirsi, così che il corpo e la mente, dopo la contrazione causata dalla paura, entreranno in un profondo rilassamento.

Se pensi che possa fare qualcosa per farti star meglio, chiamami   334 7484245